Sono stato recentemente intervistato da una giornalista che lavora per la rivista Gioia sul tema della procrastinazione, che sembra essere un fenomeno piuttosto diffuso. Se anche a te capita di procrastinare, di rinviare le cose che andrebbero fatte subito, conosci molto bene le conseguenze che questa tendenza ha sulla qualità della tua vita (e talvolta anche di quella delle persone che ti circondano)

In questo articolo, scoprirai alcune possibili strade per chi si trova spesso a rimandare.

 

 

 

Cosa intendiamo per “procrastinazione”?

Prima di tutto è importante capire di che cosa stiamo parlando. Infatti sotto l’etichetta “procrastinazione” si nascondono spesso situazioni o fenomeni anche molto diversi tra loro.

Per questo motivo ti chiedo innanzitutto di pensare ad alcuni episodi specifici in cui ritieni di “procrastinare”, di rivederli ed ascoltarli attentamente nella tua mente. Scegline tra questi uno per te significativo e poniti intanto la seguente domanda:

 

 

quale beneficio (o benefici) traggo dalla procrastinazione?

Lascia che la risposta emerga dal di dentro, senza fare soverchi sforzi razionali per rispondere alla domanda.

Ti potrà sembrare strano ma molte volte, dietro alla procrastinazione, si nasconde uno (o più) scopo positivo, un beneficio che trai dal rimandare che è importante per te.

Hai risposto a questa domanda?

Bene, adesso chiediti:

 

 

e oltre a questo, quale altro beneficio traggo dal rimandare?

Poniti la domanda “e oltre a questo…” più volte e annotati su un foglio tutte le risposte che ti vengono in mente.

Ora, partendo dal beneficio che senti essere più rilevante per te, pensa

 

 

in quanti altri modi puoi ottenere lo stesso risultato, senza rimandare?

Ad esempio, se un beneficio che trai dal rimandare è una “scarica di adrenalina”, in quanti altri modi puoi ottenere quella “scarica di adrenalina” (oltre che attraverso la procrastinazione)?

Trovando dei modi efficaci per ottenere il beneficio o i benefici che ti derivano dal rinviare, imparare a fare le cose subito sarà molto più semplice.

Può succedere, in alcune circostanze ben precise (e che questo non diventi una scusa per continuare a rimandare cose per te importanti), che il beneficio sia “prendere tempo per acquisire ulteriori elementi per risolvere un problema”.

In questo caso, il rimandare può essere positivo, in quanto sfrutto il potere della cosiddetta “incubazione”.

Ad esempio ricevo una mail importante a cui dovrei rispondere ma la cui risposta richiede la soluzione di un problema che non ho a disposizione in questo momento. Rimandare, ad esempio, di un paio d’ore la risposta può avere il beneficio di sfruttare la forza dell'”incubazione” per trovare la soluzione al problema e quindi rispondere efficacemente alla mail. In questo caso il rinviare è funzionale al raggiungimento del miglior risultato.

 

 

Altri 5 cose da sapere per superare la procrastinazione

1) Capita a volte che le persone rimandino in quanto non pensano di riuscire a fare abbastanza bene una determinata cosa, pretendendo la perfezione. Se vi trovate in questa situazione ricordate che:

meglio fare qualcosa di buono che non fare qualcosa di ottimo

 

2) Altre volte abbiamo bisogno di un’altra persona per darci una spinta al rispetto degli impegni verso noi stessi. Uno strumento importante allora può essere il cosiddetto “accountability partner”, una persona (amico, conoscente, collega ecc.) con la quale avete l’accordo che, ad esempio settimanalmente, condividerete cosa avete fatto in merito agli obiettivi che avete deciso di perseguire (e lo stesso farete voi per quella persona per i suoi di obiettivi, piani di azione ed azioni).

Quindi:

trovati un “accountability partner”

 

3) Intorno a noi abbiamo delle “risorse” che molto spesso ci dimentichiamo di avere.

Tra amici, conoscenti, colleghi, ecc. c’è sicuramente qualcuno che conosciamo che è particolarmente capace a rispettare le tempistiche, a fare le cose nel momento in cui vanno fatte.

Sfruttiamo allora la nostra innata capacità di apprendere

impara da chi agisce e realizza le cose

Frequentiamo queste persone, osserviamole mentre fanno le cose nel momento in cui vanno fatte.

Cosa fa questa persona di diverso rispetto a te?

Cosa puoi imparare da questa persona?

 

4) Un’altra leva molto importante è l’effetto che gli altri, in particolare le persone a cui teniamo, hanno su di noi. Quindi:

dichiara pubblicamente cosa intendi fare, soprattuto alle persone a te care

Il fatto che ti sei pubblicamente impegnata/o a fare queste cose sarà un ulteriore motore per la trasformazione dell’impegno in azioni concrete.

 

5) Molti pensano che sia possibile passare direttamente dalla situazione alla situazione desiderata, dove tutto funziona bene. Questo può essere un enorme ostacolo nel processo di apprendimento che spesso procede in maniera irregolare. In tale processo è fondamentale apprendere da cosa non ha funzionato oltre che da quello che ha funzionato e continuare ad agire. Quindi ricordati che:

non puoi imparare senza commettere “errori”

Gli “errori” infatti non sono altro che preziosi feedback che ti consentono di imparare ed agire sempre di più per muoverti nella direzione desiderata.

Quando quindi inizi a trarre i frutti dall’applicazione di quanto contenuto in questo articolo, ricordati che non è detto che raggiungerai subito pienamente il tuo obiettivo. Agisci, nota se quello che fai ti sta portando nella direzione desiderata, impara dall’esperienza, agisci, …

E goditi l’esperienza di apprendimento

Andrea

PS: se senti di aver bisogno di un’assistenza personalizzata, se il rimandare ha un importante impatto sulla tua vita, ti suggerisco vivamente di trovare un professionista esperto di cui ti possa fidare, capace di lavorare con te comprendendo i tuoi bisogni e sulla base di questi bisogni ti accompagni a riconquistare le scelte nella tua vita che ti meriti.

 

Più tempo nella tua vita, più vita nel tuo tempo

Se ti interessa conoscere oltre 150 strumenti per migliorare la qualità del tuo tempo, ti suggerisco la lettura di Guerrilla Time, più tempo nella tua vita, più vita nel tuo tempo, Franco Angeli.

 

Come potenziare le tue competenze chiave per fare la differenza nel mondo lavorativo di oggi e di domani, per migliorare il proprio equilibrio emotivo, le proprie relazioni ed il proprio benessere individuale

Potenziamento competenze chiave, corso di formazione in convenzione con il Centro Universitario Internazionale

 

Altri corsi e percorsi della Scuola di Alta Formazione Talenti, convenzionata con il Centro Universitario Internazionale

Scuola di Alta Formazione Talenti